Turdilli al miele

010db2e8749ea5a0430cac0bf757026a4220a7c633

Con l’approssimarsi delle festività natalizie, le cucine calabresi sono in gran fermento. La tradizione vuole che nel giorno dell’Immacolata Concezione, l’8 dicembre, si preparino i dolci che verranno offerti agli ospiti, o regalati ad amici e parenti per Natale.

Tra i più conosciuti e graditi, ci sono i turdilli che sono sempre più conosciuti in tutta Italia, grazie alle innumerevoli iniziative nate per pubblicizzare i prodotti di eccellenza e la cucina del nostro meraviglioso territorio.

Poco tempo fa, ad esempio, nella preparazione dei turdilli si sono cimentate le foodblogger milanesi, in una divertente “sfida” nel corso della settimana calabrese al Mercato Metropolitano di Milano (QUI trovate un resoconto dell’evento e QUI il video del cookingshow).

Se anche voi volete seguire la tradizione, ecco la ricetta dei turdilli al miele:

Ingredienti:

  • 300 g di farina
  • un bicchierino di vermut (50 gr. circa)
  • mezzo bicchiere di vino bianco dolce (il moscato va benissimo)
  • un cucchiaino  di zucchero
  • un pizzico di cannella o anice
  • 1 pizzico di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale

Portate a bollore i liquidi con lo zucchero, il sale e l’aroma scelto.

Togliete dal fuoco e versatevi la farina ben setacciata, mescolando con un cucchiaio di legno.

Rovesciate il tutto sulla spianatoia e continuate ad impastare, aggiungendo il lievito.

Se necessario, aggiungete ancora un po’ di farina: l’impasto deve essere morbido e lavorabile, ma non appiccicoso.

Formate dei rotolini dello spessore gradito (non troppo sottili, almeno il diametro di un pollice), tagliateli a pezzetti da 7/8 cm. circa, strisciateli sui rebbi di una forchetta, sul retro di una grattugia, o sull’apposito attrezzo, come per fare gli gnocchi.

Scaldate abbondante olio in una padella dai bordi alti.

I turdilli devono essere immersi nell’olio bollente per 5/6 minuti, fino a doratura.

Scolateli su carta assorbente.

Scaldate a bagnomaria il miele, fino a renderlo liquido, poi immergetevi i turdilli, uno alla volta.

Volendo, potete decorarli con monpariglia colorata.Turdilli

Altre ricette su EatParadeBlog.it

 

 

 

 

 

 

Rispondi a Il ficotto, “u mele ‘i ficu” Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>