La cupola più dipinta del Mezzogiorno d’Italia

Il più delle volte è vero che nella botte piccola si nasconde un grande tesoro! E’ ciò che accade nel piccolo borgo di Mesoraca ai piedi della Sila, limitrofa alla più famosa Santa Severina. Proprio nel suo centro storico ben conservato si nasconde uno scrigno d’arte che racchiude testimonianze delle  maestranze meridionali del Settecento.

Sto parlando della maestosa Chiesa del Ritiro, fortemente voluta dal Sacerdote Don Matteo Lamanna natio del paesello. Con Legge 1089 del 1 giugno 1939, fu dichiarato monumento di interesse nazionale in quanto rappresenta un vero e proprio gioiellino d’arte meridionale.

ritiro1

Il mausoleo conserva al suo interno: la cupola ottagonale che ospita 125 personaggi e che, per questo, è nota come tra le più dipinte del Mezzogiorno; le campane, oggetto di studi nel 2011 del CESCAV, il Centro Studi internazionale sulle campane in Umbria; i nove altari in marmo finissimo di Carrara, tra i quali risalta, in modo preponderante, quello maggiore, ubicato tra la spettacolare balaustra e la parete absidale volta ad oriente.

ASSUNZIONE

Ancora le opere lignee che comprendono il grandioso pulpito pensile, il coro, la cantoria superiore, i sei confessionali e la sacrestia; le opere pittoriche in cui sono compresi, oltre alla già citata cupola, il grande dipinto con i vari episodi sacri, senza contare, ovviamente, le bellissime 16 opere su tela trafugate il 22 novembre del 1996.

Per non parlare di tutto quello che è andato perso durante tutto il ‘900: i 1404 volumi della preziosa biblioteca (molti dei quali, autografati da Don Matteo Lamanna, si trovano presso la biblioteca del “San Pio X” di Catanzaro), numerosissime opere tessutali, l’Oratorio dell’Addolorata con annesso campanile e il “palazzetto” costruito dall’Arcivescovo Grisolia nei primi dell’Ottocento, il cui abbattimento, secondo quanto si legge in un documento ufficiale del Mibact, sarebbe una delle cause principali dell’odierno dissesto statico del sacro edificio. Insomma una vera e propria galleria dove poter fermarsi e riflettere sull’infinita capacità del genio umano spinto dalle fede.

RITIRO_di_mesoraca

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>