Bandiere Blu 2013: la Calabria ne perde 3

Negli ultimi periodi si è discusso tanto su quale fosse l’utilità di avere il riconoscimento di Bandiera Blu per le spiagge e le acque calabresi. Inutile dire che molti pensano che sia un ulteriore spesa per i comuni che la richiedono, altri come noi di Scopri la Calabria credono che oggi come oggi sia un modo per mettere in risalto ciò che da sempre è stato trascurato, il forte potenziale turistico della regione.

Purtroppo quest’anno la nostra regione ha perso ben tre bandiere blu: Marina di Gioiosa, Cariati e Amendolara hanno perso il treno della buona pubblicità; in lista rimangono Cirò Marina, Torre Melissa e Roccella Jonica (nella foto).

Bandiere Blu 2013: la Calabria ne perde 3

I dati della FEE (Federazione per l’educazione ambientale) parlano chiaro per la Calabria la perdita di 3 bandiere blu è un grave segnale di fallimento delle politiche messe in atto dalla regione per salvaguardare e riqualificare l’ambiente e i siti balneari in prossimità della stagione estiva.

L’obiettivo principale del programma Bandiera Blu è promuovere nei Comuni costieri una conduzione sostenibile del territorio, attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche l’attenzione e la cura per l’ambiente.

Ai fini della valutazione, la qualità delle acque di balneazione e considerata un criterio imperativo, solo le località le cui acque sono risultate eccellenti, possono presentare la propria candidatura.

Tra gli altri criteri presi in esame si trovano anche: la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la sicurezza ed i servizi in spiaggia.

I criteri sopra menzionati sono sempre valutati da una commissione che dopo una richiesta del comune accerta l’effettiva validità e quindi permette allo stesso di ottenere tale riconoscimento.

La Bandiera Blu dimostra sicuramente l’impegno continuo delle località in un percorso per la piena sostenibilità, il turismo sostenibile è infatti una scelta obbligata per chiunque abbia la responsabilità di amministrare il territorio e lavori per il suo sviluppo.

La Calabria purtroppo quest’anno non ha superato l’esame speriamo studi per l’anno prossimo!

[foto di  Rafael Peñalozaalcuni diritti riservati]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>